Schizzo, Scarzella e il sole che balla

Come fosse nata e diffusasi nei secoli a Corcumello quella storia o leggenda, come la si voglia chiamare, del sole che il giorno di San Giovanni Battista, 24 giugno, appena sorto all’alba si metta a danzare come un ballerino nel cielo, Dio solo lo sa. Nessuno ad oggi è in grado di ricordare. Nemmeno quel brav’uomo di Scarzella, che si era vantato di aver assistito anni prima al grandioso fenomeno. Nemmeno lui poi era in grado di spiegare che cosa c’entrasse Giovanni Battista con il sole che si dà alla danza. Giovanni predicava e battezzava nelle acque del fiume Giordano…

Leggi tutto

Corcumello e il corpo umano

Riporto tutti i vocaboli relativi al corpo umano recensiti dagli iscritti al gruppo di Facebook “Il dialetto di Corcumello“. – anca: anga (plur. anghi) – ano: cujo – bacino: ósso cuìno – bile: fèlo – bocca: ‘occa – braccio: ‘raccio (plur. ‘raccia) – budella: ‘otèlla – calcagno: calecàgno – cervice: j’ósso de jo cójo – capello: capìglio – capezzolo : pizzo della sésa, o della rina (vedi “mammella”) – caviglia: caviglia, jo cojo ‘e jo peto – cervello: cerevéglio, plur. le cerevèlla – ciglia: pennazze – collo: cóglio – costole: costàto (costola: costàta) – cuore: còro – dente: dènto –…

Leggi tutto

Un santo nella Marsica terremotata: S. Luigi Guanella

Approfitto dello spazio offerto da “Corcumello Village” per un ricordo, da un punto di vista un pò diverso, del devastante terremoto del 13 gennaio 1915 ad Avezzano e dintorni. Lo faccio per il legame che ho con la Marsica e per l’affetto che mi lega a San Luigi Guanella, per me sempre: Don Guanella. Don Guanella, come è stato ricordato in questi giorni, è stato un protagonista nell’opera di soccorso e assistenza ai sopravvissuti. Non tutti sanno però che si fece anche cronista. Si recò ad Avezzano il 18 gennaio, accompagnato dal parroco di San Giuseppe al Trionfale, don Aurelio Bacciarini. La…

Leggi tutto

Quando facéste jo terramuto

Riporto una testimonianza relativa al Terremoto del 1915 così come resa da mio nonno qualche anno prima che morisse. Antonio, allora, era un bimbo corcumellano di circa sei anni. – IO: No’, raccóntame po’ quando facéste jo terramuto! Comme te nne sî accórto? E la ggente che facéste? – ANTONIO: I’ me llo recordo póco, pecché tenéa a mmala pena se’ anni;  so’ nato agli nòve de Luglio millenovecentonòve. Quando facéste jo terramuto era jo millennovecentoquìnnici, agli trìdici de Jennàro,  ‘mbaccia alle òtto la mmatina. C’ èmmo tutti revìgli: mamma èra ggià appiccato jo cotturo pe’ ccòce la pulénna… Eh, allora chi ji tenéa i biscótti e tutta…

Leggi tutto

La vergógna de Veglìno

La vergógna de Veglino La sera, mentre la luce fa jo pósto all’appacìno, m’appójo ‘no póco a ‘na prèta pe’ remira’ Veglìno: jo Sòlo, che d’Autunno è fiacco e mùscio, de’ sguìngio j’alliscia piano e jo fa rùscio e puri se jo témpo de ’sta scèna dura póco, jo fa paré ‘no férro recacciato daglio fóco. J’ómmini che vìdono Veglìno a ‘sta manèra sùbbito se recòrdano j’ammóro della séra: a quisti ci affiacchìsce l’alema pe’ ddéntro, ci rempèttera la faccia, rellucènne contro. Ma ci stao j’atri che non j’aòcchiano pe’ gnènte, pecché ‘on sào veté ppiù sópri della ggènte: se…

Leggi tutto

L’Imele

L’IMELE! Che cos’è Imele? Per chi non è del posto l’Imele è il fiume Imele. Più semplicemente è: “Jo fiumo”. Un fiume caro a chi lo ha vissuto e lo vive! Piccolo fiume. Tuttavia  ha visto e racconta, oltre la vita di tutti i giorni degli abitanti dei paesi che attraversa, anche grandi eventi. Sgorga gorgogliando dalle viscere di Tagliacozzo, ma  la sua via inizia prima. Nelle montagne del gruppo Midia  o in quelle di Verrecchie, paese e luoghi alla periferia della provincia de L’Aquila e della Marsica. L’Imele, secondo qualche storico,  segnava il confine fra gli Equi, riva nord e i Marsi, sponda sud.I…

Leggi tutto

Evviva San Lorenzo!

La mietitura del grano era terminata e anche tutte le spighe erano state raccolte.   Ci si dedicava alla trebbiatura, accompagnata dalle immancabili dispute su chi avesse la precedenza, in un terreno nei pressi del paese adattato ad aia, vicino Collamico, o alle “oleca” o all’ara dejo Carpenito, o dejo Tricagno, o in altro luogo facilmente raggiungibile con le trebbie azionate dagli assordanti scoppi del trattore Landini. Appena trebbiato ognuno riponeva i bianchi sacchi di grano nella propria casa accarezzandoli con lo sguardo, perché rappresentavano buona parte della vita dell’anno avvenire e il compenso e l’orgoglio per le fatiche del…

Leggi tutto

Jo puzzo “Ricernale”

Una grotta naturale sita sul monte Arunzo, profonda circa dodici metri e in passato sicuramente nota agli abitanti di Corcumello e Capistrello (molto meno agli attuali giovani locali). La sua notorietà presso gli anziani è assicurata dal fatto che a Corcumello ci si rivolgeva a chi mangiasse molto dicendo: “Si sprefonnàto comme jo Puzzo Ricernale!”. Per approfondire vedi qui Su ipotesi e significato del termine ‘Ricernale’ vedi qui. FacebookTwitterPinterest

Leggi tutto

Seguito di “Le fémmone pe’ lla via”

Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale. Passa Nannina co’ ‘n’appanaturo ‘n capo. Rosina : da ‘ddó ne ve’ Nannì? Nannina : e.. che  ‘on lo vìdi? Marietta : eh… se véte sùbbito,… mo’ ci magnemo puri càe ciammellitto…Nannì pecché sta’ a preparà? Nannina : Addomà faccio cinquant’anni e tutte quéle cianchemóscie de cognàteme vôo fa’ ‘no renfrisco che ‘nfernisce mai pe’ ffa’ arruzza’ tutto jo Casarino. Rosina : Nannì… so ‘ntrasentìto caeccósa,… ma che ha succéso a jo furno? Nannina : saccio i’…è stato n’attimo, namentre (sic) stèmmo a caccia’ le pagnotte, Amalia de Zappacórta e Assunta la nasòna se so’ pijate pe’…

Leggi tutto

Un esperimento di traduzione

Jo surgio de campagna e jo surgio de città ‘No jorno ‘no surgitto de città ‘este a trovà jo coggino che abbitéa ’n campagna. ‘Sto coggino, mo’, era ssémbrice e ‘no póco ruzzo, ma oléa bbène ajo surgitto de’ città. Coscì, appena quìjo arrivéste, ci déste tutto quélo che tenéa: lo lardo, i faciój, lo pano e lo càcio. Jo surgitto de città, allora, appena vedéste quéle pòere cóse dicéste: “Propria non lo capìscio, coggì, comme fa’ a tirà annanzi co’ ‘ste pòche cóse. Véttenne co’ méco, te llo faccio veté j’ comme se campa! Bbasta che te nne vé…

Leggi tutto

Le fémmone pe’ lla via

Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale Personaggi: Rosina, Mariuccia, Marietta, Sofia, Nicolina, Nannina, Rosinella Rosina: zitta Mariu’…famme ascìte a sta scaletta, me fao male le còsse. Mariuccia: e che si stata a ffa’? Rosina: sarrào stati i peti ‘mbussi, l’atra sera stéa a lava’ i scenneratùri e a resciacqua’ le linzióla alla fontana. (Intanto passa Marietta) Rosina: ammàppate (sic) Marie’…pe ddu’ jummelle de farina de turco, fino a mo’ si stata alla mola? Ma che… ci stéa tanta ggente? Marietta:  ‘n te ci mette puri tu! Quela ciuétta de Giuannèlla s’è messa a ciuettà co’ quio gobbo de jo…

Leggi tutto

Corcumello e i suoni per gli animali domestici

Da un mio post su facebook Inutile ricordare che ogni lingua codifica attraverso il proprio sistema fonetico i versi degli animali: se per un italiano il gatto solitamente fa “miao”, per un inglese fa “meeow”, per un tedesco “miau” e per un francese “miaou”, etc… (chi è interessato può consultare questo accurato studio dell’Università di Adelaide). A Corcumello? Ebbene per un corcumellano un gatto fa “gnàu” (che a volte oscilla, con altro accento, in “gnaù”). O almeno così mi è sembrato di intendere nella maggior parte dei casi. Soprattutto, in ogni società a base contadina – come quella corcumellana – si sviluppa una sorta di…

Leggi tutto