Risultati della ricerca per:

Una vita

“Io pensavo sempre di trovare il modo di poter studiare, non volendo vivere e anche morire ignorante“ Mi chiamo Ivano Zuchegna e sono nato a Corcumello vicino Capistrello il 13/01/1929 nel triste periodo del fascismo, della seconda guerra mondiale e dell’occupazione dei tedeschi. Ricordo con piacere la primissima infanzia perché nel mio piccolo paese si era liberi di giocare per le strade senza pericoli. Nessuno aveva la bicicletta. C’era tanta miseria e mancavano tutti i servizi igienici. Un periodo mancò anche l’acqua e la corrente elettrica. Si può senz’altro dire che “Cristo non si è fermato solo a Eboli”. Era…

Leggi tutto

La Signòra de Èfeso

Pubblico tradotta in corcumellano una delle “fabulae milesiae” più note della letteratura antica: “La Matrona di Efeso”, presente nel Satyricon di Petronio. Le “fabulae milesiae” – o favole di Mileto (τὰ Μιλησιακά) – erano racconti di argomento erotico e lascivo, prodotti tra la fine del II e l’inizio del I secolo a.C. e ambientati nella Ionia d’Asia, celebri per la loro licenziosità e per il loro stile vivace e leggero. Alla città de Èfeso vivéa ‘na signòra conosciuta pe’ èsse coscì tanto devota e onesta, che se restregnéano puri le fémmone degli atri paesi pe’ vedérela. ‘Sta signòra, mo’, quando…

Leggi tutto

La volpe e l’uva

Fame coacta vulpes alta in vineaUvam appetebat summis saliens viribus;Quam tangere ut non potuit, discedens ait:“Nondum matura est; nolo acerbam sumere”.Qui facere quae non possunt verbis elevant,Ascribere hoc debebunt exemplum sibi.(Phaed. 4,3) ‘Na ólepa, tanto affamata, zompènne co’ tutte le forzecerchéa de acchiappà l’uva a ‘na vigna àota.Ma siccome ‘on arrivéste a toccàrela, se nne ‘éste e dicéste:“Ancora non s’ha fatta matura; non l’óglio piglià cèreva”.‘Sto raccùnto vale pe’ quii chea parole desprèzzanoquéle cóse che non rrèsciono a fà.

Leggi tutto

Front Page

About us Enjoy the best design and functions combined together Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip. A few things we’re great at Lorem ipsum dolor sit amet, at mei dolore tritani repudiandae. In his nemore temporibus consequuntur, vim ad prima vivendum consetetur. lorem ipsum Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore. get started lorem ipsum Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod…

Leggi tutto

Don Vincenzo: un parroco per Corcumello

Un giorno mi frullò per la testa una “cattiva” idea: scrivere qualcosa su Don Vincenzo, il solo parroco di Corcumello che ho conosciuto abbastanza bene. Misi subito da parte l’idea per pensare ad altro. Molto meglio e meno impegnativo ricordare gli amici d’infanzia: Scugnizzo, Pierino, Righetto, Paolino, Gennaro e le loro e la mia faccia, magari quando c’erano tramontana e nevischio che ci strapazzavano il viso sul colle Lorenzóno, o alle Rutti, o per le Penneriche; noi che badavamo, chi a piccoli greggi di pecore proprie, chi alle pecore di altri come garzoni, per dare un aiuto alla propria famiglia…

Leggi tutto

La banda di Corcumello del 1986

Era l’estate del 1986 e posso dire che per me, che mi ero formato in una banda musicale romana composta da una cinquantina di elementi, ben assortita e molto professionale nelle proprie performance, l’incontro con la banda di Corcumello fu un amorevole trauma. Durante l’inverno, infatti, a Roma avevo avuto un maestro severo, molto attento alla cura dell’esecuzione e assai scrupoloso nella resa delle espressioni e delle intensità sonore segnate nella partitura. Quando eravamo in pausa, ad esempio, il suo rigore filologico non ci permetteva nemmeno di accennare a un motivetto eseguito a orecchio. Se ci sentiva andava su tutte…

Leggi tutto

De expositis Curcumelli

Un neonato abbandonato nel 1846 L’archivio di stato dell’Aquila ci restituisce, tra gli altri documenti relativi allo Stato Civile, anche l’atto di nascita di un trovatello, un cosiddetto “proiètto”, rinvenuto a Corcumello in località Sancti Petri nel 1846. Il neonato venne registrato con il numero d’ordine 7 nel registro degli Atti di nascita de’ Projetti – Provincia dell’Aquila – distretto di Avezzano – circondario di Tagliacozzo nel comune di Corcumello.Della registrazione dell’atto, a quel tempo, si dovette occupare l’Ufficiale dello Stato Civile operante a Corcumello, di nome Filippo Scipioni. Corcumello all’epoca era ancora comune a sé e si trovava sotto…

Leggi tutto

Caccia al lupo

In un tempo, non troppo remoto, circa la metà del secolo scorso, qualcuno ancora ricordava e raccontava storie di lupi di qualche anno prima, quando il nostro paese, Corcumello, fu tenuto in ansia per la loro presenza. C’era chi diceva che in realtà si trattasse di un solo lupo forse perché più informato o solo per sminuire la storia che racconto. Sia come sia, la discesa dei lupi dalle montagne, che sono lì ad un passo dal paese, non era certo una novità. Semmai la novità era rappresentata dalla frequenza con la quale si aggiravano per i vicoli semibui del…

Leggi tutto

Via Santa Maria del Monte – Corcumello – Capistrello

Appena lasciato Corcumello, nella valle e per la strada antica che per secoli ha collegato il paese a Capistrello, troviamo un grande slargo pedemontano che viene chiamato piazza Santa Maria. Da questo slargo partono, e sono sempre partite, 2 strade: una a destra, Via Piana, che sale alla Forca del Girifalco; l’altra a sinistra, Via S. Maria che sale al sito religioso di Santa Maria del Monte sul Monte Arezzo. Questo slargo Piazza S. Maria ha rappresentato per secoli e millenni un vero snodo di traffico, di persone e merci, che dalle zone del lago Fucino si dirigevano verso la…

Leggi tutto

Le feste corcumellane negli anni ’30

Pubblico alcune foto relative ai festeggiamenti dei Santi Lorenzo e Antonio, nonché delle ‘Madonne’, datate tra l’Agosto e il Settembre del 1932. Le foto appartengono ad una persona di Corcumello che ha deliberatamente deciso di rimanere nell’anonimato. Pur non comprendendo appieno i motivi della sua scelta, che rispetto, sono ad ogni modo grato a questa persona e la ringrazio per avermi concesso la visione, la riproduzione digitale e la pubblicazione di tali immagini, che indubbiamente, oggi, costituiscono una vera e propria rarità. Da quanto indicatomi, non tutte le foto si riferirebbero al 10 Agosto (festa di S. Lorenzo e S.…

Leggi tutto