Seguito di “Le fémmone pe’ lla via”

Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale. Passa Nannina co’ ‘n’appanaturo ‘n capo. Rosina : da ‘ddó ne ve’ Nannì? Nannina : e.. che  ‘on lo vìdi? Marietta : eh… se véte sùbbito,… mo’ ci magnemo puri càe ciammellitto…Nannì pecché sta’ a preparà? Nannina : Addomà faccio cinquant’anni e tutte quéle cianchemóscie de cognàteme vôo fa’ ‘no renfrisco che ‘nfernisce mai pe’ ffa’ arruzza’ tutto jo Casarino. Rosina : Nannì… so ‘ntrasentìto caeccósa,… ma che ha succéso a jo furno? Nannina : saccio i’…è stato n’attimo, namentre (sic) stèmmo a caccia’ le pagnotte, Amalia de Zappacórta e Assunta la nasòna se so’ pijate pe’…

Leggi tutto

Un esperimento di traduzione

Jo surgio de campagna e jo surgio de città ‘No jorno ‘no surgitto de città ‘este a trovà jo coggino che abbitéa ’n campagna. ‘Sto coggino, mo’, era ssémbrice e ‘no póco ruzzo, ma oléa bbène ajo surgitto de’ città. Coscì, appena quìjo arrivéste, ci déste tutto quélo che tenéa: lo lardo, i faciój, lo pano e lo càcio. Jo surgitto de città, allora, appena vedéste quéle pòere cóse dicéste: “Propria non lo capìscio, coggì, comme fa’ a tirà annanzi co’ ‘ste pòche cóse. Véttenne co’ méco, te llo faccio veté j’ comme se campa! Bbasta che te nne vé…

Leggi tutto

Le fémmone pe’ lla via

Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale Personaggi: Rosina, Mariuccia, Marietta, Sofia, Nicolina, Nannina, Rosinella Rosina: zitta Mariu’…famme ascìte a sta scaletta, me fao male le còsse. Mariuccia: e che si stata a ffa’? Rosina: sarrào stati i peti ‘mbussi, l’atra sera stéa a lava’ i scenneratùri e a resciacqua’ le linzióla alla fontana. (Intanto passa Marietta) Rosina: ammàppate (sic) Marie’…pe ddu’ jummelle de farina de turco, fino a mo’ si stata alla mola? Ma che… ci stéa tanta ggente? Marietta:  ‘n te ci mette puri tu! Quela ciuétta de Giuannèlla s’è messa a ciuettà co’ quio gobbo de jo…

Leggi tutto

Corcumello e i suoni per gli animali domestici

Da un mio post su facebook Inutile ricordare che ogni lingua codifica attraverso il proprio sistema fonetico i versi degli animali: se per un italiano il gatto solitamente fa “miao”, per un inglese fa “meeow”, per un tedesco “miau” e per un francese “miaou”, etc… (chi è interessato può consultare questo accurato studio dell’Università di Adelaide). A Corcumello? Ebbene per un corcumellano un gatto fa “gnàu” (che a volte oscilla, con altro accento, in “gnaù”). O almeno così mi è sembrato di intendere nella maggior parte dei casi. Soprattutto, in ogni società a base contadina – come quella corcumellana – si sviluppa una sorta di…

Leggi tutto

Camminata de l’Immerno

Sassi friddi e macère spóglie allisciate dajo témpo, sénza sòlo, all’appacìno. Fère ‘no vénto jelato, che quando se ‘ncanala pe’ ‘sta ruetta rendónne ‘no póco. ‘No jatto, méso ntesechito e co’ j’ócchi ‘ncagnati, se fèrma a vardàreme; però se reòta so’ pe’ ‘no mumento, po’ repìglia la via: ci te’ fame e s’ha ‘a ajna’, pecché jo jorno de l’Immérno è curto e fa notte lésto. Non ci sta ‘n’àlema pe’ lla via: ‘sta via che ‘orrìa sempre piéna e ‘mmece è vòta; che ogni ‘ota ‘e vvéngo me pare gnòva e ‘mméce è eterna. FacebookTwitterPinterest

Leggi tutto

Reloaded

Questa foto era già stata pubblicata diversi anni fa (quando non esisteva Facebook): ora ho deciso di riesumarla e di riproporla, perché manifesta chiaramente tutta la vitalità che Corcumello aveva nei primissimi anni del ‘900. Lo scatto dovrebbe essere avvenuto proprio nello spazio al di sotto della chiesa di S. Nicola (ai piedi della scalinata più corta): si tratta dejo scarparo Matte’ (il “ciabattino” Matteo – l’uomo seduto sulla destra con il grembiule da lavoro). FacebookTwitterPinterest

Leggi tutto

Le terre del Sacramento

“Le Terre del Sacramento”, dal romanzo di Francesco Jovine, è uno sceneggiato televisivo che la RAI ha pubblicato nel 1970. Le riprese risalgono a qualche anno prima e vengono effettuate non solo nei dintorni della campagna corcumellana (“Fontanile delle Castagne” etc..), ma all’interno dello stesso borgo di Corcumello. Inoltre si intravedono volti di figuranti che ai non più giovanissimi risulteranno sicuramente noti.   Sceneggiatura: Massimo Felisatti – Fabio Pittorru Regia: Silverio Blasi Cast: Renato De Carmine – Paola Pitagora – Adalberto Maria Merli – Nino Taranto – Stefano Satta Flores – Maria Fiore – Guido Alberti – Fosco Giachetti –…

Leggi tutto

Le forme “antiche” nell’attualità del dialetto di Corcumello

Ad integrazione delle questioni emerse su Facebook di Alessandro Boccia e Nando Molinari. La domanda se esista oggi un dialetto corcumellano antico fa pensare che il problema sia squisitamente formale e che sia generato dall’avverbio ‘oggi’. Già, perché è il concetto di lingua in senso lato – e se si vuole anche quello di dialetto – che fa difficoltà a definirsi. E’ ovvio che l’idioma corcumellano “di oggi” non può di per sé essere antico se è parlato in questo momento. Se è così, però, a rigor di logica – o meglio, per far piacere ad Alessandro Boccia, direi “ontologicamente”…

Leggi tutto

L’ara “Tascarella”

Se stéa a ffa’ notte notte all’ara Tascarella… …’n’àsena e …’na ‘oce: “fìcora bella…, fìcora bella”. Carminuccio a jo pannono se lla pippéa, j’atri aspettéano jo vénto, che non aléa. “Fìcora bella, fìcora bella …alla pari se scagna: ‘no sacco de turco, ‘no cisto de fìcore belle”. J’affaro s’è fatto…, e mo’ se magna, se magna. La notte è calata e se contano le stelle. Se strégne Arberico, Carluccio e Righèlla, ‘ner méntre lontano canta la Campanella. Se strégne ‘Merìco, Giuanni e Manciarégli che repète e repète: “so’ bégli!… so’ bégli!”. FacebookTwitterPinterest

Leggi tutto

A proposito di montoni, pecore e agnelli

Il nostro paese ha avuto da sempre una vocazione armentizia, ieri ancor più di oggi. Ma che ne sappiamo di pecore, agnelli e montoni? Sentite questa! ….” Secondo le costanti osservazioni di tutt’ i naturalisti, la gravidanza delle pecore dura per cento cinquanta giorni; gli antichi credevano , che l’ Autunno fosse il tempo più propizio al parto di quegli animali; perciò faceano seguire la loro unione co’ montoni fra i mesi di Maggio, e Giugno: ma i pastori concorsi in Dogana ( ovvero dediti alla transumanza – è la Dogana di Puglia ) non hanno sempre usata la stessa economia; gli…

Leggi tutto

Perché si dice: “Una sola volta passò Carlo per Fucino!”

A seguito della battaglia di Tagliacozzo tra Corradino e Carlo D’Angiò, i soldati francesi, spavaldi per la vittoria, si dettero a violenze e saccheggi in tutte le contrade della Marsica. Distrussero un notevole patrimonio artistico non ultimo il convento benedettino di Santa Maria in Valle Porclaneta e forse anche il cenobio, sempre benedettino, di Colle San Pietro nei pressi di Corcumello. E’ in ricordo a tale violenza che nella Marsica, ancora oggi, si ripete: “ Una sola volta passò Carlo per Fucino”. Il detto vuole significare che non si possono tollerare eventuali soprusi più di una volta e negli ultimi tempi che…

Leggi tutto