Quando repènzo…

“Con questa composizione dialettale in versi liberi e rimati, ho voluto fotografare uno spaccato di vita “corcumellana” di fine anni 50/ primi anni 60, quando io avevo appena dieci anni. Questo semplice modo di vivere ed i personaggi descritti mi sono rimasti sempre nella memoria, ma soprattutto nel cuore. . . chi sa forse anche a quanti di voi..” Lillóno QUANDO REPÈNZO… Era più notte che jorno, quando, ‘na sera de Luglio, tra ‘na canzone e n’atra deglio Chiochiaro. . . alla Spiazzetta pe’ avvisa’ la gente, se sentéa zi’ Pietro jetta’ jo banno pe’ ‘na cósa urgente! Cógli cotturigli…

Leggi tutto

La Trebbiatura

Giseppe co’ jo sarrìcchio ‘n mano asciso alla bocchetta della trebbia tajéa sverto i manóppi dello rano. Se comenzéa cétto, puri co lla nebbia, pe’ evità de jorno, sudóro e callo; ‘n ze smettéa manco a mesojorno, e manco se ssèra rappullato jo vallo. Carri, aseni e bbòvi, tutt’ ‘ntorno; chi revenéa dalla terra co la trajjia, chi sfascéa la casaccia, chi facéa jo metóno, chi… sudato, ammucchiéa cama e pajjia, chi rrempiéa sacchi e saccute, chi… j’arcono. Chi aspettèa jo canistro tutt’ammannito che sotto ’n’ ólemo era bej’ e servito.

Leggi tutto

La vergógna de Veglìno

La vergógna de Veglino La sera, mentre la luce fa jo pósto all’appacìno, m’appójo ‘no póco a ‘na prèta pe’ remira’ Veglìno: jo Sòlo, che d’Autunno è fiacco e mùscio, de’ sguìngio j’alliscia piano e jo fa rùscio e puri se jo témpo de ’sta scèna dura póco, jo fa paré ‘no férro recacciato daglio fóco. J’ómmini che vìdono Veglìno a ‘sta manèra sùbbito se recòrdano j’ammóro della séra: a quisti ci affiacchìsce l’alema pe’ ddéntro, ci rempèttera la faccia, rellucènne contro. Ma ci stao j’atri che non j’aòcchiano pe’ gnènte, pecché ‘on sào veté ppiù sópri della ggènte: se…

Leggi tutto

Camminata de l’Immerno

Sassi friddi e macère spóglie allisciate dajo témpo, sénza sòlo, all’appacìno. Fère ‘no vénto jelato, che quando se ‘ncanala pe’ ‘sta ruetta rendónne ‘no póco. ‘No jatto, méso ntesechito e co’ j’ócchi ‘ncagnati, se fèrma a vardàreme; però se reòta so’ pe’ ‘no mumento, po’ repìglia la via: ci te’ fame e s’ha ‘a ajna’, pecché jo jorno de l’Immérno è curto e fa notte lésto. Non ci sta ‘n’àlema pe’ lla via: ‘sta via che ‘orrìa sempre piéna e ‘mmece è vòta; che ogni ‘ota ‘e vvéngo me pare gnòva e ‘mméce è eterna.

Leggi tutto

L’ara “Tascarella”

Se stéa a ffa’ notte notte all’ara Tascarella… …’n’àsena e …’na ‘oce: “fìcora bella…, fìcora bella”. Carminuccio a jo pannono se lla pippéa, j’atri aspettéano jo vénto, che non aléa. “Fìcora bella, fìcora bella …alla pari se scagna: ‘no sacco de turco, ‘no cisto de fìcore belle”. J’affaro s’è fatto…, e mo’ se magna, se magna. La notte è calata e se contano le stelle. Se strégne Arberico, Carluccio e Righèlla, ‘ner méntre lontano canta la Campanella. Se strégne ‘Merìco, Giuanni e Manciarégli che repète e repète: “so’ bégli!… so’ bégli!”.

Leggi tutto