Terzo esperimento di traduzione – Marziale 12,7

Un altro esperimento di traduzione. Stavolta attingo a Marco Valerio Marziale (noto epigrammista latino vissuto nel I secolo d.C. e morto agli inizi del II). Ho scelto un epigramma a mio avviso molto divertente (a tratti quasi imbarazzante), che irride la pietas del povero ‘cliente’ Etone. Un episodio che l’autore – come al suo solito – presenta esaltandone gli aspetti comico-satirici, con uno spaccato di vita della Roma imperiale decisamente realistico. Multis dum precibus Iovem salutat Stans summos resupinus usque in ungues Aethon in Capitolio pepedit. Riserunt homines, sed ipse divom Offensus genitor, trinoctiali Adfecit domicenio clientem. Post hoc flagitium…

Leggi tutto

Possiamo Creare Un Lessico Formale Per La Sopravvivenza del dialetto Corcumellano?

Austin Curtin scrive su Corcumello Village: “Ciao a tutti. I miei antenati provengono da questo paese molto speciale. L’unica volta che sono stato a Corcumello è stata l’anno scorso in agosto. Dato che vivo in America e non ho la capacità di parlare con voi faccia a faccia, è difficilissimo di imparare/studiare il dialetto corcumellano. Ho una richiesta per voi, e ha le conseguenze enorme. Pensate che sia possible di creare un lessico formale del dialetto corcumellano. Il libro che possiedo ‘Canti e detti popolari’ non spiega la grammatica o la sintassi. Lo so che quello che vi sto chiedendo…

Leggi tutto

Jo vécchio, jo varzitto e l’asenétta

          Rielaborazione dialettale di un’antica fiaba persiana ‘Na ‘ota, ‘no vécchio che abbitéa a ‘no paesìtto e se lla passéa male, ‘oléste ji’ a vénne ‘no póco de cacio alla città pe’ fa’ càe ssórdo. Siccome però tocchéa ji co’ ‘n’asenétta e la via era lónga, decidéste de portàrese puri jo nepóte, ‘no varzìtto de sett’ ott’ anni, coscì tenéa la combagnìa durante jo viàjo. Jo vécchio, allora, facéste sàlle jo varzitto ‘ncima all’asenétta e, reggènne la capézza, se ‘ncamminéste a ppète. Mo’, cómme arrivìstoro ajo primo paéso, jo vécchio sentéste dìce dalla ggènte: – Aocchiéte…

Leggi tutto

Quando repènzo…

“Con questa composizione dialettale in versi liberi e rimati, ho voluto fotografare uno spaccato di vita “corcumellana” di fine anni 50/ primi anni 60, quando io avevo appena dieci anni. Questo semplice modo di vivere ed i personaggi descritti mi sono rimasti sempre nella memoria, ma soprattutto nel cuore. . . chi sa forse anche a quanti di voi..” Lillóno QUANDO REPÈNZO… Era più notte che jorno, quando, ‘na sera de Luglio, tra ‘na canzone e n’atra deglio Chiochiaro. . . alla Spiazzetta pe’ avvisa’ la gente, se sentéa zi’ Pietro jetta’ jo banno pe’ ‘na cósa urgente! Cógli cotturigli…

Leggi tutto

La Trebbiatura

Giseppe co’ jo sarrìcchio ‘n mano asciso alla bocchetta della trebbia tajéa sverto i manóppi dello rano. Se comenzéa cétto, puri co lla nebbia, pe’ evità de jorno, sudóro e callo; ‘n ze smettéa manco a mesojorno, e manco se ssèra rappullato jo vallo. Carri, aseni e bbòvi, tutt’ ‘ntorno; chi revenéa dalla terra co la trajjia, chi sfascéa la casaccia, chi facéa jo metóno, chi… sudato, ammucchiéa cama e pajjia, chi rrempiéa sacchi e saccute, chi… j’arcono. Chi aspettèa jo canistro tutt’ammannito che sotto ’n’ ólemo era bej’ e servito.

Leggi tutto

Questo “benedetto” latinorum

La celebrazione delle primissime liturgie cristiane, ancora destrutturate e quasi esclusivamente incentrate sul rito dell’eucaristia, inizialmente veniva svolta nella lingua parlata nella Galilea dell’epoca, ovvero in un aramaico intriso di termini ebraici. Se è vero però che questo fu l’idioma di una iniziale propagazione del Cristianesimo, è altrettanto vero che nel corso dei secoli esso non contribuì ad una diffusione universale della nuova dottrina. E ciò, ovviamente, anche per motivi ideologico-propagandistici. È noto infatti che a veicolare in Oriente la fede cristiana nei primi secoli fu soprattutto la lingua greca, quella della koiné in cui è stato scritto – per…

Leggi tutto

Un secondo esperimento di traduzione

L’idea mi è stata suggerita da un amico di Corcumello (di cui non svelo il nome): tentare una traduzione in corcumellano della famosa favola di Fedro (che a sua volta riprende ed elabora Esopo) de Il Lupo e L’agnello. Latino  Italiano  Corcumellano  Ad rivum eundem lupus et agnus venerant siti compulsi; superior stabat lupus  longeque inferior agnus. Tunc fauce improba  latro incitatus iurgii causam intulit.  Cur, inquit, turbulentam fecisti mihi  Aquam bibenti? Laniger contra timens:  Qui possum, quaeso, facere, quod quereris, lupe?  A te decurrit ad meos haustus liquor.  Repulsus ille veritatis viribus:  Ante hos sex menses male, ait, dixisti…

Leggi tutto

Corcumello e il corpo umano

Riporto tutti i vocaboli relativi al corpo umano recensiti dagli iscritti al gruppo di Facebook “Il dialetto di Corcumello“. – anca: anga (plur. anghi) – ano: cujo – bacino: ósso cuìno – bile: fèlo – bocca: ‘occa – braccio: ‘raccio (plur. ‘raccia) – budella: ‘otèlla – calcagno: calecàgno – cervice: j’ósso de jo cójo – capello: capìglio – capezzolo : pizzo della sésa, o della rina (vedi “mammella”) – caviglia: caviglia, jo cojo ‘e jo peto – cervello: cerevéglio, plur. le cerevèlla – ciglia: pennazze – collo: cóglio – costole: costàto (costola: costàta) – cuore: còro – dente: dènto –…

Leggi tutto

Quando facéste jo terramuto

Riporto una testimonianza relativa al Terremoto del 1915 così come resa da mio nonno qualche anno prima che morisse. Antonio, allora, era un bimbo corcumellano di circa sei anni. – IO: No’, raccóntame po’ quando facéste jo terramuto! Comme te nne sî accórto? E la ggente che facéste? – ANTONIO: I’ me llo recordo póco, pecché tenéa a mmala pena se’ anni;  so’ nato agli nòve de Luglio millenovecentonòve. Quando facéste jo terramuto era jo millennovecentoquìnnici, agli trìdici de Jennàro,  ‘mbaccia alle òtto la mmatina. C’ èmmo tutti revìgli: mamma èra ggià appiccato jo cotturo pe’ ccòce la pulénna… Eh, allora chi ji tenéa i biscótti e tutta…

Leggi tutto

La vergógna de Veglìno

La vergógna de Veglino La sera, mentre la luce fa jo pósto all’appacìno, m’appójo ‘no póco a ‘na prèta pe’ remira’ Veglìno: jo Sòlo, che d’Autunno è fiacco e mùscio, de’ sguìngio j’alliscia piano e jo fa rùscio e puri se jo témpo de ’sta scèna dura póco, jo fa paré ‘no férro recacciato daglio fóco. J’ómmini che vìdono Veglìno a ‘sta manèra sùbbito se recòrdano j’ammóro della séra: a quisti ci affiacchìsce l’alema pe’ ddéntro, ci rempèttera la faccia, rellucènne contro. Ma ci stao j’atri che non j’aòcchiano pe’ gnènte, pecché ‘on sào veté ppiù sópri della ggènte: se…

Leggi tutto

Evviva San Lorenzo!

La mietitura del grano era terminata e anche tutte le spighe erano state raccolte.   Ci si dedicava alla trebbiatura, accompagnata dalle immancabili dispute su chi avesse la precedenza, in un terreno nei pressi del paese adattato ad aia, vicino Collamico, o alle “oleca” o all’ara dejo Carpenito, o dejo Tricagno, o in altro luogo facilmente raggiungibile con le trebbie azionate dagli assordanti scoppi del trattore Landini. Appena trebbiato ognuno riponeva i bianchi sacchi di grano nella propria casa accarezzandoli con lo sguardo, perché rappresentavano buona parte della vita dell’anno avvenire e il compenso e l’orgoglio per le fatiche del…

Leggi tutto

Seguito di “Le fémmone pe’ lla via”

Ogni riferimento a cose e persone è puramente casuale. Passa Nannina co’ ‘n’appanaturo ‘n capo. Rosina : da ‘ddó ne ve’ Nannì? Nannina : e.. che  ‘on lo vìdi? Marietta : eh… se véte sùbbito,… mo’ ci magnemo puri càe ciammellitto…Nannì pecché sta’ a preparà? Nannina : Addomà faccio cinquant’anni e tutte quéle cianchemóscie de cognàteme vôo fa’ ‘no renfrisco che ‘nfernisce mai pe’ ffa’ arruzza’ tutto jo Casarino. Rosina : Nannì… so ‘ntrasentìto caeccósa,… ma che ha succéso a jo furno? Nannina : saccio i’…è stato n’attimo, namentre (sic) stèmmo a caccia’ le pagnotte, Amalia de Zappacórta e Assunta la nasòna se so’ pijate pe’…

Leggi tutto