Assum est. Versa et Manduca!

Assum est, inquit, Versa et Manduca (Ambr. De Off. 1, 41, 207). Il 10 agosto del 258 d.C. veniva condannato a morte il diacono Lorenzo, che curava la parte amministrativa del Papa di allora, Sisto II. La condanna venne comminata dal Prefetto Cornelio Secolare, per volontà dell’imperatore Valeriano, il quale, a causa di difficoltà economiche sopraggiunte durante il suo pontificato, ordinò di requisire, oltre agli immobili, anche tutti i beni mobili della Chiesa. Lorenzo, però, all’atto della consegna, presentò al prefetto tutti quelli che egli considerava beni “mobili” della Chiesa: i poveri, i malati, le fanciulle, etc. Il prefetto si…

Leggi tutto

Scripta manent

L’inaugurazione tenutasi lo scorso anno relativa al restauro della chiesa di S. Lorenzo ha indubbiamente riscosso un grande successo. L’eccezionalità dell’evento, infatti, ha doverosamente attirato la presenza di autorità sia laiche sia religiose, nonché – ma è scontato dirlo – di gran parte della popolazione, giustamente esaltata e spontaneamente felice nel vedere rimessa a nuovo la chiesa dedicata al patrono del proprio paese. Già, perché da molto tempo l’edificio – che, lo voglio ricordare, nasce a Corcumello come luogo di culto non destinato al pubblico, ma soltanto alle celebrazioni private della famiglia Vetoli – giaceva in uno stato di quasi abbandono. Così, in parte per…

Leggi tutto

Un secondo esperimento di traduzione

L’idea mi è stata suggerita da un amico di Corcumello (di cui non svelo il nome): tentare una traduzione in corcumellano della famosa favola di Fedro (che a sua volta riprende ed elabora Esopo) de Il Lupo e L’agnello. Latino  Italiano  Corcumellano  Ad rivum eundem lupus et agnus venerant siti compulsi; superior stabat lupus  longeque inferior agnus. Tunc fauce improba  latro incitatus iurgii causam intulit.  Cur, inquit, turbulentam fecisti mihi  Aquam bibenti? Laniger contra timens:  Qui possum, quaeso, facere, quod quereris, lupe?  A te decurrit ad meos haustus liquor.  Repulsus ille veritatis viribus:  Ante hos sex menses male, ait, dixisti…

Leggi tutto

Alba Fucens – Rai Storia

(Se non vedi il video vai direttamente sul sito Rai) La didascalia del sito Rai riportata in calce al video dice: “Fondata nel quarto secolo a.C , “in excelso locata saxo”, come ricorda Strabone,  Alba Fucens è uno dei più antichi centri della colonizzazione latina. Rimasta sepolta per tanti secoli a mille metri d’altezza, sotto il gruppo montuoso del Velino, la città di Alba è stata riscoperta nel 1949 attraverso una campagna di scavi promossa in Abruzzo dagli archeologi belgi e durata trent’anni. Dotata di mura possenti che impressionarono i viaggiatori del passato, Roma confinò ad Alba Fucens i prigionieri…

Leggi tutto

Amarcord

Pubblico una foto scattata una ventina di anni fa (’96) in un Collamico ancora morfologicamente poco definito, a casa di Massimo, in quel momento oltremodo irrequieto perché reso infermo da una frattura capitatagli alla gamba destra. Tre amici e tre diverse personalità. Gino, da sotto il tavolo, cerca di infastidirlo, come si fa tra ragazzi, insultandolo amichevolmente e cercando di farlo urlare a forza di pizzicate. Ed io che lì per lì mi vergogno un po’, perché la cosa non era stata annunciata: non avevamo avvisato nessuno dei familiari che saremmo scesi da Corcumello per andarlo a trovare. Ma a Corcumello si…

Leggi tutto

Corcumello e il corpo umano

Riporto tutti i vocaboli relativi al corpo umano recensiti dagli iscritti al gruppo di Facebook “Il dialetto di Corcumello“. – anca: anga (plur. anghi) – ano: cujo – bacino: ósso cuìno – bile: fèlo – bocca: ‘occa – braccio: ‘raccio (plur. ‘raccia) – budella: ‘otèlla – calcagno: calecàgno – cervice: j’ósso de jo cójo – capello: capìglio – capezzolo : pizzo della sésa, o della rina (vedi “mammella”) – caviglia: caviglia, jo cojo ‘e jo peto – cervello: cerevéglio, plur. le cerevèlla – ciglia: pennazze – collo: cóglio – costole: costàto (costola: costàta) – cuore: còro – dente: dènto –…

Leggi tutto

Quando facéste jo terramuto

Riporto una testimonianza relativa al Terremoto del 1915 così come resa da mio nonno qualche anno prima che morisse. Antonio, allora, era un bimbo corcumellano di circa sei anni. – IO: No’, raccóntame po’ quando facéste jo terramuto! Comme te nne sî accórto? E la ggente che facéste? – ANTONIO: I’ me llo recordo póco, pecché tenéa a mmala pena se’ anni;  so’ nato agli nòve de Luglio millenovecentonòve. Quando facéste jo terramuto era jo millennovecentoquìnnici, agli trìdici de Jennàro,  ‘mbaccia alle òtto la mmatina. C’ èmmo tutti revìgli: mamma èra ggià appiccato jo cotturo pe’ ccòce la pulénna… Eh, allora chi ji tenéa i biscótti e tutta…

Leggi tutto

La vergógna de Veglìno

La vergógna de Veglino La sera, mentre la luce fa jo pósto all’appacìno, m’appójo ‘no póco a ‘na prèta pe’ remira’ Veglìno: jo Sòlo, che d’Autunno è fiacco e mùscio, de’ sguìngio j’alliscia piano e jo fa rùscio e puri se jo témpo de ’sta scèna dura póco, jo fa paré ‘no férro recacciato daglio fóco. J’ómmini che vìdono Veglìno a ‘sta manèra sùbbito se recòrdano j’ammóro della séra: a quisti ci affiacchìsce l’alema pe’ ddéntro, ci rempèttera la faccia, rellucènne contro. Ma ci stao j’atri che non j’aòcchiano pe’ gnènte, pecché ‘on sào veté ppiù sópri della ggènte: se…

Leggi tutto

Jo puzzo “Ricernale”

Una grotta naturale sita sul monte Arunzo, profonda circa dodici metri e in passato sicuramente nota agli abitanti di Corcumello e Capistrello (molto meno agli attuali giovani locali). La sua notorietà presso gli anziani è assicurata dal fatto che a Corcumello ci si rivolgeva a chi mangiasse molto dicendo: “Si sprefonnàto comme jo Puzzo Ricernale!”. Per approfondire vedi qui Su ipotesi e significato del termine ‘Ricernale’ vedi qui.

Leggi tutto

Un esperimento di traduzione

Jo surgio de campagna e jo surgio de città ‘No jorno ‘no surgitto de città ‘este a trovà jo coggino che abbitéa ’n campagna. ‘Sto coggino, mo’, era ssémbrice e ‘no póco ruzzo, ma oléa bbène ajo surgitto de’ città. Coscì, appena quìjo arrivéste, ci déste tutto quélo che tenéa: lo lardo, i faciój, lo pano e lo càcio. Jo surgitto de città, allora, appena vedéste quéle pòere cóse dicéste: “Propria non lo capìscio, coggì, comme fa’ a tirà annanzi co’ ‘ste pòche cóse. Véttenne co’ méco, te llo faccio veté j’ comme se campa! Bbasta che te nne vé…

Leggi tutto

Corcumello e i suoni per gli animali domestici

Da un mio post su facebook Inutile ricordare che ogni lingua codifica attraverso il proprio sistema fonetico i versi degli animali: se per un italiano il gatto solitamente fa “miao”, per un inglese fa “meeow”, per un tedesco “miau” e per un francese “miaou”, etc… (chi è interessato può consultare questo accurato studio dell’Università di Adelaide). A Corcumello? Ebbene per un corcumellano un gatto fa “gnàu” (che a volte oscilla, con altro accento, in “gnaù”). O almeno così mi è sembrato di intendere nella maggior parte dei casi. Soprattutto, in ogni società a base contadina – come quella corcumellana – si sviluppa una sorta di…

Leggi tutto

Camminata de l’Immerno

Sassi friddi e macère spóglie allisciate dajo témpo, sénza sòlo, all’appacìno. Fère ‘no vénto jelato, che quando se ‘ncanala pe’ ‘sta ruetta rendónne ‘no póco. ‘No jatto, méso ntesechito e co’ j’ócchi ‘ncagnati, se fèrma a vardàreme; però se reòta so’ pe’ ‘no mumento, po’ repìglia la via: ci te’ fame e s’ha ‘a ajna’, pecché jo jorno de l’Immérno è curto e fa notte lésto. Non ci sta ‘n’àlema pe’ lla via: ‘sta via che ‘orrìa sempre piéna e ‘mmece è vòta; che ogni ‘ota ‘e vvéngo me pare gnòva e ‘mméce è eterna.

Leggi tutto