L’affresco della chiesa di S. Lorenzo

Sulla chiesa di S. Lorenzo di Corcumello  le notizie che abbiamo mi paiono scarse e in alcuni casi piuttosto approssimative. Di solito viene “snobbata” dagli studiosi, perché alcune parti dell’interno sono considerate un po’ pacchiane, con decorazioni giudicate sovraccariche e piuttosto stucchevoli. Però, una cosa assai pregevole (forse l’unica ad essere rimasta originale), mi sembra ciò che rimane dell’affresco absidale di epoca rinascimentale (?) raffigurante il martirio di S. Lorenzo. Sulla destra, in mezzo a un gruppo di persone, forse si riesce ancora a scorgere proprio il volto del santo mentre sta per essere accompagnato al martirio. Sulla sinistra altri personaggi, non identificabili. E sullo sfondo, probabilmente, uno scorcio della Roma rinascimentale.

Ma ho un dubbio: un frammento del dipinto, posto nel bel mezzo della scena, raffigura alcune dita di una mano che pare elevarsi al cielo; sembra rappresentare un motivo topico di S. Lorenzo che giace sui carboni con il braccio alzato verso la volta celeste; motivo in cui oltretutto è spesso presente un angelo (vedi per esempio i dipinti eseguiti tra ‘500 e ‘600 dal Tiziano, da Ludovico Cardi, Massimo Stanzione o Jusepe de Ribera). In tal caso, l’uomo anziano raffigurato nel gruppo di destra non può essere l’arcidiacono Lorenzo; oppure, se lo è, giunge sul luogo del supplizio mentre un altro, poco prima di lui, viene arso vivo, come se l’artista abbia voluto rappresentare il dramma non tanto nell’evento che si compie, ma piuttosto in quello che sta per succedere.

I commenti sono chiusi