Quando repènzo…

“Con questa composizione dialettale in versi liberi e rimati, ho voluto fotografare uno spaccato di vita “corcumellana” di fine anni 50/ primi anni 60, quando io avevo appena dieci anni. Questo semplice modo di vivere ed i personaggi descritti mi sono rimasti sempre nella memoria, ma soprattutto nel cuore. . . chi sa forse anche a quanti di voi..”

Lillóno

QUANDO REPÈNZO…

Era più notte che jorno, quando, ‘na sera de Luglio,
tra ‘na canzone e n’atra deglio Chiochiaro. . .
alla Spiazzetta pe’ avvisa’ la gente,
se sentéa zi’ Pietro jetta’ jo banno pe’ ‘na cósa urgente!
Cógli cotturigli de latto e l’ova de jornata
dalle stalli, pe’ la costa, le femmone rencaséano
e rempiéano i piatti cupi de ‘ntaccòzze o quagliatégli
che carméano la fame ‘ròssa de mariti e fratégli:
e pó’ patate refritte e saciccia ‘mmischiata a ‘na frittata
‘nzémmia a ‘na pagnotta de pano rembrascato..
.
e a beve ‘na bella brocca de vino appena cacciato!
Dóppo cena a che jo prèto a vede’ càe “firm” alla TV
‘n compagnia de zi’ Carlo e de quasci tutta la gioventù!
…intanto ‘m piazza tant’ómmeni, fino a tarda ora,
se scagnéano le idee, i conzigli e le pròpie virtù:
de qua se sentéa la voce squillante de zi’ Maggiorino,
de lla’, quela che se sentéa, era quéla de zi’ Querrino,
più ‘nnillà ancora, stéa a gioca’ a Mórra Franco de Giuannéglio
che sfidéa appétt’appétto ‘Ntonio de Copéglio…
E tutto ‘sto vocia’, smorzéa jo remóro dell’acqua alla fontana
addo’ mamma me lavéa e resciacquéa i panni
oramai tutte le sere, da aóglia quanti anni!
Ma i più stéano ascisi dentr’a che zia Vincenza
a giocasse no litro de vino co’ tanta compiacenza.
La mmatina apprésso la stella dell’arba sonéa la sveglia:
e, appena magnato e beùto quello che stéa sopra la teglia,
subbito alla stalla a fa’ ‘na brusch’e striglia!
Lo rentocca’ degl’orológgio e jo sóno delle campane
confondéa jo remoro delle pulènne vecine e lontane!
Aglio paéso tutte l’attività recomenzéano de bonóra:
jo primo a sci’ era Tulétto che, co’ la biga, ea a fa la spesa a Sora
Eppo’ zi’ Pietro Balestra che, co quasci la famiglia ‘ntèra,
già stéa a i’, co jo carretto, addo’ se facéa la fiéra…
mentre Pèppo jo stagnaro, tra i sergi ‘mpiazza
cerchéa de rattoppa’ na pila o na callara,
proprio mentre zi’ Moretto portéa a corre i cani all’ara.
Che bégli témpi quii: addunque se vedéano varzitti:
chi a gioca’ a circhio, chi a sbattimuro e chi a mazzitti;
atri a campana, a briccia o a fuitélla…
e atri ancora a gioca’ a nasconnarèlla!
Aglio campo sportivo era festa jeri, óggi e pur’addomani…
vedìvi sempre più de du’ squadre d’ómmeni co’ le bòcce ‘mmani;
e tanti i figli a gioca’ a pallóno o a corre in “bici”
e ci stea puri chi, cóglio mazzafrusto, revattéa fasciói e cici!
E la Doméneca… le partite se vencéano tutte, una alla ‘òta:
co Stefano e Umberto arrète, ‘Ngeluccio ‘mméso e la ‘Olepétta ‘mporta!
‘Nzómma, cosci’ era Curcuméglio allora…
e
 quando repènzo a tutto questo ora
sento ‘na grand’emozione e ‘na crìa me puri diléggio
ma suspirènne me dìcio: SE STÉA MEGLIO, QUANDO SE STÉA PÉGGIO!!!!!

Lillóno
(…quanti altri personaggi di allora avrei voluto ricordare…).

I commenti sono chiusi